Top News UIL CSP FROSINONE — 17 dicembre 2014

barbagallo_senato15/12/2014 | Economia.

Archivio fotografico – Senato della Repubblica © 2014
E-mail fotografico@senato.it

DICHIARAZIONE DI CARMELO BARBAGALLO SEGRETARIO GENERALE UIL

Il Segretario generale della Uil Carmelo Barbagallo è intervenuto questa mattina al Convegno organizzato dal Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche dell’Università la Sapienza di Roma in collaborazione con il gruppo PD del Senato sul tema “Previdenza, risparmio e Tfr nel dibattito di politica economica”. I lavori della sessione mattutina, che sono stati aperti da un saluto del Presidente del Senato, Pietro Grasso, sono stati conclusi dal leader della Uil.

“Stiamo mettendo a punto una proposta per un patto generazionale – ha sottolineato Barbagallo – che consenta di dare stabilità ai giovani e flessibilità in uscita agli anziani, realizzando le condizioni per una sorta di staffetta tra generazioni. Non si può andare in pensione tutti alla stessa età. L’altra questione, annosa e mai risolta, che deve essere affrontata riguarda la separazione della previdenza dall’assistenza: solo in questo modo può essere chiaro a tutti che il sistema è in equilibrio.

Peraltro – ha ricordato il leader della Uil – che sia così, ce lo conferma anche l’ultimo rapporto del Nucleo sulla previdenza dal quale si evince che a fronte di 111 miliardi di contributi versati, il costo per le pensioni è stato pari a 106 miliardi. Sono dati importanti anche perché ci aiutano a ricordare che le pensioni, in Italia, sono pagate non dallo Stato, come certa pubblicistica superficiale racconta, ma dai lavoratori e dai datori di lavoro. Certo – ha concluso Barbagallo – se la crisi perdura, se la disoccupazione non diminuisce e se l’economia resta depressa, a lungo andare anche il sistema più sostenibile può presentare qualche crepa. È un motivo in più per mettere in campo politiche economiche che puntino davvero alla ripresa e allo sviluppo”.  

Roma 15 dicembre 2014

(*Fonti:
http://www.uil.it)

Share

About Author

Alessandro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.