quantitativeasing09/03/2015 | Economia.  

Dichiarazione di Guglielmo Loy – Segretario confederale UIL

I BENEFICI DEL QUANTITATIVE EASING VADANO INVESTITI VERSO 4 PRIORITÀ’: AMPLIARE LE RISORSE PER GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, AMPLIARE IL BONUS 80 EURO, RIDURRE LE TASSE LOCALI,  RILANCIARE LA CONTRATTAZIONE NEL PUBBLICO IMPIEGO

Se vogliamo veramente che i benefici del “QE” si traducano in maggiore crescita economica e sociale, allora il Governo dovrebbe prendere senza indugi una soluzione:  garantire il reale aumento delle risorse per gli ammortizzatori sociali,  evitare l’aumento di tasse e tariffe locali, estendere già dal 2015 il beneficio degli 80 euro ai pensionati e agli incapienti e rinnovare i contratti di lavoro ai dipendenti pubblici.

Si tratta, in sostanza di una manovra che costa meno di 1 punto percentuale di PIL, ma che porterebbe benefici senz’altro maggiori degli investimenti in termini di maggiore occupazione e crescita della ricchezza nazionale.

Infatti, l’estensione per il 2015 del bonus degli 80 euro interesserebbe 14 milioni di persone (10 milioni di pensionati e 4 milioni di incapienti tra pensionati e dipendenti), con un costo per quest’anno di 10 miliardi di euro.

Sono questi gli interventi che possono rimettere in moto i consumi interni come efficace politica economica in grado di determinare un aumento della ricchezza del Paese e un incremento significativo dell’occupazione.

Roma, 9 marzo 2015

(*Fonti:
www.uil.it
)

Share

About Author

Alessandro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.