NEWS Top News UIL CSP FROSINONE — 29 marzo 2018

Il leader della Uil a Foggia alla manifestazione di Libera

21/03/2018 | Sindacato.  

970 nomi. Scanditi dal palco, come tanti lenti rintocchi di campana. Sono letti da uomini e donne della società civile, del mondo del lavoro, della politica. Sono i nomi delle vittime della mafia. Ancora una volta, come ogni anno ormai, il 21 marzo è la giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, organizzata dall’Associazione di Don Ciotti, Libera. E come sempre, anche il Sindacato è in piazza. A sfilare per le vie del capoluogo della Capitanata, insieme a migliaia e migliaia di persone, c’è anche una foltissima delegazione della Uil, guidata dal Segretario generale, Carmelo Barbagallo che, giunto in piazza, ha letto dal palco i nomi di sette vittime delle mafie.



“Oggi – ha detto il leader della Uil – non deve essere solo la giornata del ricordo, ma anche dell’impegno. Come è noto, è stato approvato il nuovo codice antimafia, ora bisogna rendere operativi i nuovi strumenti e i decreti attuativi. In queste terre, inoltre, c’è anche il problema del caporalato e dobbiamo fare di tutto affinché questa piaga venga estirpata. Tuttavia – ha sottolineato Barbagallo – non bastano solo le leggi: per sconfiggere le mafie, ci vuole una consolidata coscienza civile. Ecco perché – ha concluso il leader della Uil – bisogna ripartire dalle scuole per diffondere e far prevalere la cultura della legalità e antimafiosa”.

21 marzo 2018

 

UIL Frosinone

 

(*Fonti:

www.uil.it)

 

Tag: UIL, UIL Frosinone, sindacato, politica, economia, società, cittadini, cittadine, lavoratori, lavoratrici, lavoro, Libera, Don Ciotti, Barbagallo, Foggia, giornata del ricordo e dell’ impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, scuole, prevenzione, cultura, legalità

Share

About Author

Alessandro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.